lunedì 10 giugno 2013

Letteratura per ragazzi - Gli autori svedesi non hanno paura di affrontare temi difficili

Un libro su dieci pubblicati in Svezia è un libro per ragazzi. Con un’enorme varietà di
soggetti, da mucche ballerine a papà single, la letteratura svedese informa, ispira e intrattiene i giovani lettori.

I libri per ragazzi sono popolari in Svezia, e ce ne sono moltissimi. Nel 2012 sono stati pubblicati 1761 libri, dei quali circa il 54%, scritti da autori svedesi. La letteratura per ragazzi gode di una notevole considerazione e riflette spesso i temi della letteratura per adulti. Spesso i libri sono recensiti e discussi dai media più importanti. Già dal 1982 esiste in Svezia una cattedra universitaria di letteratura per bambini e ragazzi, ed i corsi su questo tema che si tengono nelle diverse università sono ben frequentati. Ogni si premiano  i libri migliori e le organizzazioni che incoraggiano bambini e ragazzi alla  lettura.
Alcuni tra questi premi sono:
Nordiska rådets barnlitteraturpris (Premio Nordico per la letteratura per  bambini e ragazzi),
Barnens Romanpris  (Premio per il migliore romanzo per bambini),
ALMA (Premio letterario Astrid Lindgren).

Il premio ALMA è il premio più ambito al mondo, con un valore di
5 milioni di SEK (602 mila euro)


Alfons Aberg continua a essere uno dei preferiti, anche dopo 40 anni


Temi difficili

Ma di cosa trattano i libri svedesi e perchè sono così popolari?

Alcuni si propongono solamente di intrattenere e alcuni invece vogliono far pensare. Gli autori svedesi non hanno  paura di trattare temi che gli adulti  ritengono  difficili da affrontare parlando con i bambini. Gli scaffali delle librerie e delle biblioteche contengono libri per su temi come violenza, omosessualità, abuso di sostanze, divorzio, morte e bullismo. Un libro molto popolare che si occupa della morte è Adjö, herr Muffin (Addio, Signor Muffin) di Ulf Nilsson. Racconta la storia del criceto Signor Muffin, che un giorno, colpito dal mal di pancia, si rende conto che è ora di ricordare la sua vita passata e di dire addio alla famiglia con la quale abita. Vinterviken (Baia d’inverno), un libro per ragazzi di Mats Wahl, che è la storia d’amore tra un povero immigrato, John-John, e una ragazza ricca, Elisabeth, ma è anche una storia di razzismo velato e di pregiudizi culturali.

Famosi anche all’estero

Molti autori svedesi hanno ottenuto un notevole successo anche all’estero. Ad esempio i libri di Gunilla Bergström su  Alfons Aberg (Alfons Åberg), un bambino che vive in città con il padre, sono stati tradotti in 30 lingue.
Anche i libri di Jujja e Tomas Wieslander che raccontano della mucca ballerina Mamma Mu, che vuole provare tutto quello che fanno le persone, sono stati tradotti in molte lingue.
Ulf Stark, che scrive libri da quarant’anni, tra i quali Sai fischiare Johanna? (Kan du vissla Johanna?). Anche i libri di  Petterson e Giampi (Pettson och Findus) di Sven Nordqvist sono molto amati oltre i confini svedesi. Le storie sul vecchio eccentrico Petterson, che parla con il suo gatto Giampi sono abilmente illustrate, con dettagli umoristici nelle immagini, mentre il testo contiene gio chi di parole che divertono sia bambini che adulti.
 
Gialli per bambini

Ultimamente, un’ondata di libri gialli e thriller ha investito il campo della letteratura per bambini e attirato lettori di tutte le età. Tra i libri più comprati e presi in prestito in biblioteca c’è la serie di Max & Lara investigatori privati (LasseMajas detektivbyrå) di Martin Widmark.
Nel 2011, egli è stato l’autore più popolare in termini di prestiti in biblioteche pubbliche e scolastiche, con libri presi in prestito 1,5 milioni di volte. Widmark e l’illustratrice Helena Willishanno prodotto 22 libri sugli investigatori Max e Lara, e sono stati tradotti in più di 20 lingue. Altri detective che sono diventati famosi sono Kalle Skavank di Petrus Dahlin, e i Petrini nei libri di Mårten Sandén

 
Gittandi Pija Lindenbaum è figlia unica e ha tanta fantasia, e le sue storie trattano
emozioni come la solitudine e la gelosia


Il potere delle illustrazioni

i libri illustrati occupano una posizione di rilievo nella letteratura svedese per  ragazzi. Il genere si è affermato con Elsa Beskow e da allora è continuato a crescere con illustratori e scrittori come Stina Wirsén e Pija Lindenbaum.
Dall’inizio del XX secolo, il genere del libro illustrato è cresciuto ed ha prospe- rato in Svezia. Tra i primi ci fu Elsa Beskow, con Puttes äventyr i blåbärs­ skogen (Le avventure di Putte nel bosco  di mirtilli), che ha influenzato gli illustratori contemporanei di libri per bambini con il suo approccio artistico e fantasioso. Beskow utilizzava spesso come tema l’interazione tra natura, bambini ed animali. Questo tema si ripete anche nel lavoro di autori contemporanei come Lena Anderson, nei suoi libri Kotten Porcospino) e Maja.

Umorismo per tutte le età

I libri illustrati sono spesso letti da due persone contemporaneamente, quindi devono essere interessanti anche per gli adulti. Per questo motivo, molti autori  includono un elemento umoristico, sia nei testi che nelle immagini. Per esempio i libri di Pernilla Stalfelt Lilla, Maskboken (Piccolo libro dei vermi) e Stora maskboken (Grande libro dei vermi). Questi libri offrono immagini espressive e il testo è spesso interpretato letteralmente nelle immagini, rendendo la lettura sorprendente e divertente.
Olof Landström è un illustratore che ha collaborato con  autori svedesi famosi come Ulf Stark e  Barbro Lindgren. Insieme alla moglie Lena Landström, ha creato i libri Fåren Bu och Bä(Le pecore Bu e Be). Anche illustratori come Jan Lööf, Eva Erikssone Eva Lindström hanno collaborato con i principali autori svedesi. Ma Lööf è forse meglio conosciuto per il suo personaggio Pelle. Lööf ha anche conquistato fama internazionale con libri quali Sagan om det röda äpplet (La storia di una mela rossa). La pluripremiata Pija Lindenbaum, che scrive ed illustra, è un’altra autrice svedese che ha avuto grande successo con i suoi libri illustrati. I suoi amatissimi libri su Gittan, raccontano di una bambina alle prese con emozioni come senso di colpa, vergogna e paura durante le sue avventure. Una delle illustratrici di libri per bambini più popolari in Svezia è Stina Wirsén. Insieme alla madre Carin Wirsén, ha creato i libri su Rut och Knut (Rut e Knut), che hanno vinto, tra l’altro, il premio alla memoria di Elsa Beskow. I libri illustrati sono una risorsa su cui contare. Alcuni dei nuovi autori sono Sara Lundberg, Jockum Nordström, Emmae Lisen Adbåge.
.
Dall’ educazione al divertimento

La storia del romanzo svedese moderno per bambini comincia attorno al 1945. Una dei pionieri è stata Astrid Lindgren, con Pippi Calzelunghe (pippi Långstrump).
All’inizio del XX secolo, i libri per bambini costituivano un genere letterario a sé. Uno degli autori più famosi di questo periodo fu Selma Lagerlöf. Il suo libro Il viaggio meraviglioso di Nils (Nils Holgerssons underbara resa genom Sverige) racconta di un bambino che viaggia attraverso il paese sulla schiena di un’oca volante ed è una divertente lezione di geografia svedese. Per molti anni è stato usato come libro di testo nelle scuole.Il romanzo moderno per bambini emerse in Svezia attorno al 1945, quando la società cominciò a riconoscere le particolari necessità dei bambini. Il risultato fu un’esplosione di libri che si concentrano su temi diversi, dall’umorismo ai problemi sociali. Il libro per bambini moderno era nato. A partire dal 1945, furono pubblicati circa 400 libri per bambini all’anno per il resto del decennio. Il principale pioniere del genere fu Astrid Lindgren. Il suo primo libro, Pippi Calzelunghe (Pippi Långstrump), pubblicato nel 1945, rese la letteratura svedese per bambini famosa in tutto il mondo. Altri pionieri furono Gösta Knutsson con i suoi libri riccamente illustrati sulle avventure di un gatto senza coda (Pelle Svanslös), un gatto molto, troppo gentile, e Lennart Hellsing molti dei cui libri sono stati musicati, tra l’altro Bananboken (Il libro delle banane). I primi libri, che avevano un tono moraleggiante e didattico, sono stati sostituiti da storie che si concentrano sullacuriosità e la creatività tipica dei bambini. E mentre una volta i protagonisti erano per lo più maschi, negli ultimi anni un numero sempre maggiore di protagonisti sono bambine.


Nessun commento:

Posta un commento